Lo Yoga

Lo yoga ha origini antichissime velate di affascinante mistero, ed i pochi frammenti a disposizione ci permettono di ricostruire solo una piccola parte della sua storia.

Un filo comune che lega tutte le scuole di yoga, è la fiducia incrollabile sull’idea che la coscienza dell’uomo sia infinitamente vasta, e che ogni essere umano possa esplorarne le profondità.

E’ proprio dalla natura della realtà umana stessa che traggono origine gli insegnamenti dello yoga.

Il termine Yoga viene frequentemente utilizzato nella letteratura sanscrita (l’antica lingua dell’India), e compare più volte anche nel Rig-Veda, una collezione di antichi inni, alcuni dei quali probabilmente composti nel terzo o quarto millennio prima dell’era comune (3/4000 anni prima di Cristo).

Nella sua forma originale, come esposto dal saggio Patanjali nei suoi Aforismi sullo yoga: “lo Yoga è la pratica di concentrazione della mente fino a quando non diviene focalizzata su un unico oggetto senza vacillare”. Visto in questa prospettiva il concetto di yoga non sembra più distante o sconosciuto, al contrario appare intrinseco nell’essere umano.
Inserito nel contesto della spiritualità, lo si può considerare il mezzo tramite il quale raggiungiamo la piena espressione della nostra crescita come individui, ed apprenderlo vuol dire avanzare nel raggiungimento del proprio scopo.

La parola yoga può essere applicata ad una moltitudine di situazioni, e nell’approcciare questa materia è importante mantenere una certa flessibilità mentale. Di seguito alcune delle più diffuse affermazioni che, in contesti e tempi diversi, definiscono lo yoga in un arco di oltre 3000 anni:

  • Lo yoga è la quiete delle modificazioni della mente
  • Lo yoga è estasi
  • Lo yoga è la tecnica psico/spirituale caratteristica della grande civilizzazione dell’India
  • Lo yoga è uno tra i sei sistemi della filosofia Indiana
  • Lo yoga è separare la materia dal divino trascendente
  • Lo yoga è recidere il legame con la sofferenza
  • Lo yoga è maestria nell’agire
  • Lo yoga è equanimità (equilibrio, armonia)

Da un punto di vista storico la scuola più significativa risulta essere il sistema classico attribuito a Patanjali, ed associato con il Raja-Yoga, ovvero il riassunto formale di molte generazioni di sperimentazioni e culture yogiche. Tanti sono gli approcci che si sono sviluppati all’interno della tradizione yoga, sei dei quali spiccano per importanza:

  1. RAJA-YOGA, lo yoga risplendente dei Re spirituali
  2. HATHA-YOGA, coltivare un corpo indistruttibile come un diamante
  3. JNANA-YOGA, vedere con l’occhio della saggezza
  4. BHAKTI-YOGA, il potere trascendente dell’amore
  5. KARMA-YOGA, libertà nell’agire
    MANTRA-YOGA, il suono come veicolo per trascendere
  6. LAYA-YOGA, dissoluzione dell’universo

loQuest’ultimo, insieme allo Yoga della “Kundalini”, viene associato all’Hatha-Yoga, anche se spesso sottolineandone gli approcci differenti. Essi, inoltre, sono inseriti all’interno del Tantra-Yoga.

E’ importante ricordare che la tradizione dello Yoga è in continuo divenire, non ha mai smesso di crescere, cambiare ed adattarsi al nuovo contesto socioculturale. L’applicarsi in modo costante a questa disciplina conduce ad un duraturo equilibrio e benessere psico-fisico. Tante sono le tecniche utilizzate ed altrettanti gli stili, una varietà che permette a chiunque di trovare la strada più corretta da percorrere.

Il nostro scopo è proprio quello di aiutarti a scoprire queste possibilità, e tutti i benefici che lo Yoga è in grado di offrire a te e ad ognuno di noi.