Blog

Il vero significato del Maha Shivarathri fu esposto da Sri Ramana Maharshi in una notte di Shivarathri molti anni fa, era il 1923. Quando uno dei sadhu (cercatori della verità) seduti alla presenza del grande maestro gli chiese di spiegare l’inno “Dakshinamurthi” di Adi Shankara e il maestro disse: “Sì, siediti”.

I devoti aspettavano con ansia di ascoltare la Sua esposizione, ma Ramana mantenne la sua solita postura e un silenzio costante. L’orologio ticchettava e le ore passavano. C’era un silenzio incantato. Tutti i presenti erano profondamente assorbiti in se stessi. Con lo spuntare dell’alba le persone cominciarono a riacquisire la coscienza del corpo fisico.

Il maestro chiese gentilmente allo studente se ora comprendeva il significato dell’inno. Il cercatore e gli altri annuirono con grande gratitudine al Maestro.

Questo è il vero significato di Shivarathri, come dimostrato dal grande Ramana Maharshi, che la mente deve fondersi nella sua sorgente.

Shivaratri in realtà significa Consapevolezza Pura Assoluta in cui tutto il resto si dissolve.

In un’altra occasione un devoto chiese: vorrei sapere come la visione beata di Shiva può essere resa permanente e continua. Senza Shiva non c’è vita in ciò che vedo intorno a me. Sono così felice di pensare a Lui. Per favore, dimmi come la Sua visione possa divenire eterna per me.

Maharshi: Una visione non può mai essere eterna. Ma Shiva è eterno.

“Essere” è realizzare – quindi io sono quello che sono.

“IO SONO” è Shiva. Nient’altro può essere senza di Lui.

Tutto ha il suo Essere in Shiva.